Politica e Istituzioni - 10/02/2009 11:59

Cooperazione decentrata: serve intervento legislativo

L’intervento della Corte dei Conti su alcuni finanziamenti del comune di Lastra a Signa (Fi) hanno spinto il Consiglio regionale a prendere posizione. Sulla mozione i gruppi di centro-destra si sono astenuti

Firenze – “Il presidente della Giunta regionale, in sede di Conferenza Stato-Regioni, deve sollecitare un intervento legislativo, che riconosca un più forte ruolo delle Regioni e degli enti locali nella cooperazione internazionale”.
L’impegno è contenuto un in mozione approvata dal Consiglio regionale.
I gruppi di centro-destra si sono astenuti.
E’ stata la consigliera Bruna Giovannini (Sd) ad illustrare il testo, sottolineando “il valore culturale e sociale” delle iniziative di cooperazione decentrata attivate in questi anni dalle autonomie locali. Al riguardo Giovannini ha ricordato che recentemente la Procura della Corte dei Conti ha rinviato a giudizio l’ex sindaco ed il segretario comunale di Lastra a Signa (Fi), per avere finanziato alcuni interventi, per altro di portata molto limitata, nel settore.
“E’ una vicenda isolata, ma che può avere effetti più ampi - ha sottolineato Severino Saccardi (Pd) – Ritenere la cooperazione internazionale di esclusiva competenza dello Stato è in contraddizione con la recente scelta fatta dal Governo sugli interventi per il conflitto israelo-palestinese, che hanno visto in prima fila la Regione Toscana”.
“La nostra Regione ha una propria specificità – ha aggiunto Lucia Franchini (Pd) – che è stata sancita anche nello Statuto regionale”.