siena.jpg
Cultura, Istruzione e Ricerca - 20/01/2016 12:10

Mps: nessun rischio di spostamento della collezione artistica

L'assessore Barni ha risposto a un'interrogazione dei consiglieri della Lega Borghi, Casucci, Alberti e Salvini

Firenze – Non esistono rischi di spostamento né di alienazione della collezione artistica della Banca Monte dei Paschi di Siena. Lo ha assicurato l’assessore regionale alla cultura Monica Barni, rispondendo in aula a un’interrogazione “in merito ai possibili rischi di allontanamento delle opere d’arte di proprietà di Mps dal territorio senese e toscano”, presentata dai consiglieri regionali della Lega nord Claudio Borghi, Marco Casucci, Jacopo Alberti e Roberto Salvini. L’assessore ha spiegato che la collezione artistica della Banca Mps conta oltre un centinaio di opere tutte notificate, in gran parte di scuola senese, di inestimabile valore artistico ed economico, non stabilmente esposte al pubblico. Di proprietà della banca è anche la collezione Chigi Saracini, esposta nell’omonimo palazzo di Siena, che ha un vincolo di pertinenza con il palazzo stesso. Diversa è la collezione artistica della Fondazione Mps, che consta di 57 opere notificate e stabilmente destinate alla permanenza in Siena, con un vincolo del ministero dei Beni e Attività culturali. Barni ha sottolineato che la collezione della Fondazione “risulta da tutto esente da rischi di spostamento” e che riguardo alla collezione artistica della Banca “questa risulta ugualmente non interessata attualmente da alcun rischio di spostamento o alienazione”. E ha ricordato che, in caso di eventuale volontà futura della Banca di spostare o alienare la collezione artistica, “questo non possa avvenire senza che gli organi del Ministero ne vengano informati e conseguentemente attivati, in base alla normativa nazionale vigente contenuta nel codice dei Beni culturali”.
Marco Casucci si è detto soddisfatto della risposta che rassicura sull’assenza di rischi, ma insoddisfatto “per la mancanza di risposte puntuali sull’impegno della Regione Toscana nella progettazione e nel finanziamento di una sede museale apposita”.