artea.jpg
Agricoltura, Caccia e Pesca - 12/01/2016 19:08

Agricoltura: via libera al bilancio di esercizio 2014 di Artea

Nella seduta odierna sono state anche approvate le modifiche alla legge regionale sulle tinto lavanderie ed è stato avviato il percorso che porterà all'istituzione del Parco della Pace

Firenze– Via libera a maggioranza in Seconda commissione, con i voti favorevoli del Pd e quelli contrari di Lega Nord e M5s, al bilancio di esercizio 2014 dell’Agenzia regionale toscana per le erogazioni in agricoltura, l’agenzia Artea, che secondo quanto si legge nella delibera ha rispettato le disposizioni di contenimento delle spese previste dalla normativa regionale svolgendo la funzione di organismo pagatore dei fondi comunitari e di organismo intermedio riconosciuto dall’Unione Europea. Tecnicamente il bilancio di esercizio 2014 si è chiuso con una perdita di circa 50 mila euro che però sarà compensata, come è stato spiegato in commissione, da un fondo di riserva relativo a un avanzo di amministrazione per l’anno 2012.
Sempre a maggioranza, con i voti a favore del Pd e quelli contrari di M5s, Lega Nord e Forza Italia, nella seduta odierna della Seconda commissione, presieduta da Gianni Anselmi, Pd, sono state approvate anche le modifiche alla legge regionale che detta le norme in materia di attività di tintolavanderia. La commissione ha le deleghe su sviluppo economico e rurale, cultura, istruzione e formazione.
Ancora a maggioranza, inoltre, è stato dato il via libera al parere secondario alla proposta di legge sul riordino delle funzioni delle province e della città metropolitana.
Da segnalare, infine, che è stato avviato il percorso che porterà all’istituzione del Parco nazionale della pace a Sant’Anna di Stazzema. Ciò avverrà attraverso la modifica della legge in materia di tutela e valorizzazione del patrimonio storico, politico e culturale dell’antifascismo e della Resistenza.
“Sant’Anna è un simbolo per tutti e la cultura della memoria è un asse fondamentale delle politiche regionali”, ha affermato Anselmi.