ars toscana.jpg
Sanità e Sicurezza sociale - 22/12/2015 11:11

Sanità: Agenzia regionale, nominato il comitato di indirizzo e controllo

 Passa a maggioranza con il voto contrario del M5S la proposta di delibera. Gli interventi di Scaramelli (Pd), Marras (Pd), Quartini (M5S), Vescovi (Lega Nord) e Sarti (Sì)

Firenze – Sì a maggioranza con il voto contrario del Movimento 5 Stelle alla proposta di delibera per la nomina del comitato di indirizzo e controllo dell’Agenzia regionale di sanità.
“I membri che vanno a comporre il comitato di indirizzo e controllo dell’Agenzia regionale di sanità sono professionalità di ottimo livello e rappresentative sia della maggioranza che della minoranza”. Il presidente della commissione Sanità Stefano Scaramelli ha parlato di “un quadro condiviso tra le forze politiche” e di “ampia disponibilità raggiunta in commissione”.
 

“I curricula rispondono a criteri di professionalità e territorialità – ha ribadito il capogruppo Pd Leonardo Marras “.”Con questa delibera si sottolinea – ha aggiunto Marras – l’impegno del Consiglio ad utilizzare questo strumento di supporto nei modi migliori possibili. Ragionare sui dati concreti, oggettivi, sulle analisi che possono essere richieste ci aiuta nelle decisioni e a superare il limite della discussione ideologica”.
 

“Ars è una risorsa straordinaria – ha detto Andrea Quartini (M5S) - che mette a disposizione personale qualificato, fornisce elementi utili di contenuto su base scientifica, può elaborare dati”. “E’ una risorsa utile – ha aggiunto il consigliere regionale - se la usiamo e se la sappiamo interpretare ed orientare con richieste puntuali e precise”. Quartini ha però espresso voto contrario alla delibera per la modalità con cui si è giunti alla nomina del comitato di indirizzo e controllo dell’Ars “al di là della valutazione curriculare dei membri, di fatto si è trattato di nomine politiche”.
“Il ruolo dell’Ars è utile – ha detto il capogruppo della Lega Nord Manuel Vescovi – se fa programmazione efficace, se invece viene fatto solo per avere degli incarichi è inutile”. Vescovi ha espresso voto favorevole della Lega anche se con perplessità sul voto del presidente.
 

“Ars ci aiuta a superare i presupposti ideologici – ha dichiarato Paolo Sarti (Sì) – per cui si rischia di lavorare su presunti bisogni. E’ strumento che ha una sua indispensabile terzietà, deve essere svincolato da eventuali controlli politici. Si tratta di organismi tecnici che devono dare la verità”. Sarti ha espresso il voto favorevole del suo gruppo anche se con alcune perplessità su questa nomina “doveva uscire da una competenza tecnica precisa più che da un’appartenenza politica”. Il consigliere regionale auspica che Ars sia “utilizzata anche per l’analisi dei risultati.”
Del comitato di indirizzo faranno parte: Massimo Alessandri, Nicola Armentano, Pierfrancesco Belli, Francesca Alzira Bertini, Enrico Bianchi, Marco Puccinelli, Danielle Dominca Vangelli