sanità3.jpg
Sanità e Sicurezza sociale - 20/12/2015 01:05

Sanità: approvata la legge di riordino

 Il testo votato a maggioranza: 25 voti a favore, 10 contrari. I punti focali: le dodici aziende sanitarie sono ridotte a tre; una programmazione di area vasta coinvolgerà sia le aziende sanitarie locali, sia le aziende universitarie ospedaliere; lo strumento di gestione sarà il distretto; le funzioni della zona distretto saranno riviste; gli ospedali si metteranno in rete.

Firenze – E’ stata approvata a maggioranza – 25 voti a favore, 10 contrari – la legge di riordino del sistema sanitario regionale. A favore il gruppo Pd, contrari i gruppi di opposizione (Lega Nord, M5S, Si, Fi, FdI). Il testo, privato delle norme stralciate – dall’articolo 80 al 135 e dell’articolo 143 - , è stato approvato per le norme che definiscono il riordino complessivo del servizio sanitario regionale.
Le disposizioni principali attengono al nuovo assetto delle Aziende USL, in particolare in riferimento al modello organizzativo dipartimentale e della rete ospedaliera; al rafforzamento dell’organizzazione del territorio e dei relativi processi di governance; ad un nuovo modello di programmazione di Area vasta e dei relativi dipartimenti interaziendali. Sono introdotti nuovi organismi di governo clinico, si interviene nella definizione delle competenze dell’AOU Meyer nell’ambito della rete pediatrica regionale e sulla istituzione della Commissione di valutazione delle tecnologie sanitarie e degli investimenti sanitari.
I punti focali della legge
I principi cui si ispira la legge di riordino sono la semplificazione del sistema, la riduzione dei livelli apicali, l’uniformità e omogeneità organizzativa in contesti più ampi rispetto ai precedenti, la sinergia tra Aziende ospedaliero-universitarie e Aziende unità sanitarie locali attraverso la programmazione integrata di area vasta.
Tra i punti cardine c’è l’accorpamento delle dodici aziende unità sanitarie locali in tre aziende, una per ciascuna area vasta (azienda Usl centro, azienda Usl ToscanaNord Ovest, azienda Usl ToscanaSud Est).
I dipartimenti interaziendali di area vasta rappresentano lo strumento di supporto alla programmazione di area vasta. Il nuovo assetto organizzativo delle usl prevede il dipartimento come strumento di gestione e, per assicurare omogeneità sull’intero territorio regionale, si individuano le caratteristiche dei dipartimenti dal punto di vista territoriale e ospedaliero, e anche le specifiche funzioni e competenze.
E’ prevista una ridefinizione complessiva delle funzioni della zona distretto, del suo responsabile e del sistema delle conferenze, anche per ottimizzare le risposte territoriali all’integrazione sociosanitaria. E’ prevista anche una revisione della estensione della zona distretto.
La nuova organizzazione del presidio ospedaliero è incentrata sull’organizzazione dipartimentale. E’ istituita la nuova figura del direttore della rete ospedaliera, con funzione di presidio del funzionamento in rete degli ospedali nonché di supporto alla direzione sanitaria aziendale nella pianificazione e programmazione della rete ospedaliera.
 
 
Sanità, legge di riordino: il dibattito di Federica Cioni
Sanità, legge di riordino: gli articoli stralciati  di Federica Cioni
Sanità, legge di riordino: gli interventi conclusivi  di Daniele Pecchioli