Comm.Sanità ad Arezzo.jpg
Sanità e Sicurezza sociale - 16/11/2015 17:44

Sanità: Arezzo, commissione regionale sul territorio

Sopralluogo al San Donato e incontro con il personale, nel percorso di riorganizzazione del sistema sanitario toscano

Arezzo – “La sanità rappresenta il cuore delle politiche della Regione, la sua gestione è quindi complessa e fondamentale, ma noi siamo qui per lanciare una sfida”. Così ha esordito il presidente Stefano Scaramelli, questo pomeriggio nella visita della commissione regionale sanità ad Arezzo. “Per continuare ad essere in alto nelle classifiche delle eccellenze occorre cambiare ancora, e questa riforma la vogliamo scrivere insieme ai protagonisti: gli utenti, gli operatori, gli amministratori delle comunità locali”.

Ed il mondo della sanità, al Presidio ospedaliero San Donato di Arezzo, ha risposto all’appello, in un Auditorium gremito di dirigenti, medici, infermieri e tecnici. “In queste ore l’assessorato regionale ha predisposto la bozza di legge che avremo presto in commissione – ha sottolineato Scaramelli – e siamo qui per dar vita ad una riforma che viene dal basso, grazie alle voci dei territori toscani”.

Ad introdurre l'incontro il commissario e il vice commissario di area vasta, rispettivamente Enrico Desideri e Branca Vajovic, che hanno presentato la zona partendo da ciò che è stato fatto, per concentrarsi sulle cose da migliorare. Da qui una panoramica sul ruolo della funzione distrettuale, sui presidi territoriali e sulla rete di emergenza urgenza, per puntare l’obiettivo sul rapporto tra risposte e bisogni, sull’integrazione socio sanitaria e sull’accesso alle cure.
Tra i temi trattati ricordiamo in particolare le zone distretto, i presidi territoriali e le liste di attesa, per rispondere sempre meglio ai bisogni dei cittadini.

All’incontro con il personale, insieme a Scaramelli hanno partecipato Paolo Bambagioni (Pd), Enrico Sostegni (Pd), Serena Spinelli (Pd), Marco Casucci (Lega Nord), Valentina Vadi (Pd) e la vice presidente del Consiglio regionale Lucia De Robertis.

La giornata si è conclusa con la visita ad alcuni reparti: Oncologia, Pediatria e Pronto Soccorso – Medicina d’Urgenza.
“Queste trasferte, in vista della revisione della riforma sanitaria toscana – ha sottolineato ancora Scaramelli – rispondono alla volontà di condividere con i territori un importante percorso, non siamo qui per raccontarvi il processo di riorganizzazione ma per chiedere il vostro contributo, per scrivere insieme la sanità del futuro”.

I prossimi appuntamenti in calendario vedranno le visite ai presidi di Careggi e Meyer in programma il 19 novembre e gli incontri nell’Area vasta centro, Prato e Empoli, il 20 novembre.