carcere.jpg
Istituti di Garanzia - 10/04/2015 18:47

Carcere: Corleone, luci e ombre a San Gimignano

Il garante regionale dei diritti dei detenuti ha visitato il carcere senese

Firenze - L’Istituto di San Gimignano è nato sotto una cattiva stella, ovvero con gravi responsabilità di chi negli anni Ottanta scelse di costruire ilcarcere in una vallata, lontano dalla cittadina e quindi con difficoltà di raggiungibilità e condizioni logistico-ambientali che ancora oggi pesano, a partire dall’approvvigionamento idrico e dalla linea Telecom scadente, con tutte le conseguenze del caso. Questo il commento del Garante dei diritti dei detenuti, Franco Corleone, che oggi ha visitato il carcere di San Gimignano, per diverso tempo caratterizzato da una direzione non stabile. Da qualche anno il direttore è in servizio permanente; attualmente la presenza dei detenuti è di 365, rispetto ad una capienza regolamentare di 235, con gli ergastolani che chiedono con forza la cella singola. A San Gimignano infatti i due terzi dei detenuti sono ad alta sicurezza, mentre un terzo a media sicurezza. Da qui la necessità di rivedere ilnumero delle presenze – come ha sottolineato Corleone – e la possibilità di celle singole per gli ergastolani. Accanto a tante migliorie su cui intervenire, come i serviziigienici, i camminamenti stretti o i televisori piccoli che causano problemi alla vista. Accanto alle ombre non mancano però le luci: la ben articolata situazione dell’infermeria, le cure odontoiatriche per i detenuti garantite dall’Asl di Siena, i corsidi scuola superiore, il progetto di una lavanderia industriale e di luoghi di socialità per idetenuti di media sicurezza.