treno_stop.jpg
Istituti di Garanzia, Trasporti e Infrastrutture - 20/08/2009 16:02

Treni, Morales: dalle parole ai fatti

Dopo il blocco dell’Eurostar alle porte di Firenze e un guasto analogo a Viareggio, deciso intervento del Difensore civico della Toscana: “Non bastano le scuse e le buone intenzioni”. E chiede un report sulle penali applicate sino ad oggi a Trenitalia

Firenze – Perplessità e la consapevolezza che “occorre passare dalle parole ai fatti”. Dopo il blocco dell’Eurostar Salerno-Milano per il guasto a un pantografo che ha costretto 900 passeggeri a sostare sotto il sole, sigillati nelle carrozze, per oltre due ore e un guasto analogo sul regionale Viareggio-Firenze, il Difensore civico della Toscana Giorgio Morales interviene deciso su guasti recenti, ordinari disagi e intenzioni solo annunciate da Giunta regionale e Ferrovie.
 
“Dopo le scuse ufficiali – scrive Morales in una lettera indirizzata all’assessore ai Trasporti Riccardo Conti e al direttore regionale Trenitalia Fiorenzo Martini – resto perplesso di apprendere che si continua a parlare solo di un bonus del 50 per cento sul costo del biglietto, peraltro riferito al convoglio di alta velocità, e nulla si dice sul fatto che quello dei trasporti pubblici è l’unico servizio che non prevede la conciliazione”.
Secondo il Difensore civico regionale, il blocco dell’Eurostar e quello alla stazione di Viareggio “non possono essere considerati ritardi consueti”. “Né è irrilevante – continua Morales - che centinaia di passeggeri siano rimasti intrappolati in carrozze prive di condizionamento d’aria, con temperature esterne prossime ai 40 gradi. Due di essi pare abbiano sofferto al punto di dover far ricorso all’assistenza dei sanitari e uno in particolare è stato portata via in barella”. “Il disservizio patito configura estremi per una richiesta di risarcimento del danno fisico ed esistenziale".
“Su questo punto – continua la nota di Morales - gradirei conoscere l’opinione dell’assessore Conti anche in considerazione del fatto che non più tardi di qualche mese fa, tanto lui che i vertici di Ferrovie si erano dichiarati disponibili all’istituzione di una camera conciliativa. Quanto tempo occorrerà ancora aspettare per passare dalle parole ai fatti?”.
 
Morales interviene quindi sulla questione delle penali imputabili a Trenitalia in caso di violazione del contratto di servizio. “Così come detto dall’assessore Conti, legittime proteste dei cittadini trovano una immediata risposta nel ricorso a specifiche sanzioni. Sarebbe doveroso predisporre un report delle penali applicate e degli interventi fatti sino ad oggi. Report che l’assessore potrebbe facilmente comunicare anche alla luce del nuovo contratto di servizio che prevede di destinare interamente a favore degli utenti le somme che dovessero scaturire da inadempienze contrattuali. (attualmente vengono introitate da Trenitalia per investimenti vari ndr)”.