artea.jpg
Agricoltura, Caccia e Pesca - 19/03/2014 15:42

Agricoltura: Artea, sì a bilancio preventivo

Parere positivo è stato espresso sul regolamento di attuazione della legge a sostegno dell’attività vivaistica

Firenze – A maggioranza, con i voti favorevoli dei consiglieri Pd, l’astensione di Forza Italia e la contrarietà di Ncd, la commissione Agricoltura del Consiglio toscano, presieduta da Loris Rossetti, Pd, ha approvato il bilancio preventivo economico 2014 di Artea, l’agenzia regionale per le erogazioni nel settore agricolo in Toscana.
 
Ad illustrare il bilancio è stato il direttore di Artea, Giovanni Vignozzi, che ha parlato di un valore della produzione di 5 milioni e 219 mila euro evidenziando che le risorse per il funzionamento dell’agenzia, per l’anno in corso, ammontano a 1 milione e 148 mila euro, ossia ad una cifra in linea con quanto previsto anche per lo scorso anno.
Tuttavia la valutazione di Artea, che è un “ente pagatore”, non può basarsi sul solo dato numerico. Vignozzi ha fatto notare che deve essere valutata su indici di efficienza ed efficacia come ad esempio la tempistica con cui sviluppa il proprio operato, il numero di pratiche che riesce a svolgere, il costo unitario di ognuna di esse. Questi sono gli “elementi maggiormente legati all’operatività di un organismo pagatore che deve rispondere non solo alla Regione, ma anche agli organismi terzi di valutazione delle politiche agricole comunitarie, oltreché al sistema agricolo toscano”. In tal senso, ha sottolineato Vignozzi, appare importante l’informatizzazione dei servizi realizzata con l’anagrafe regionale delle aziende agricole attorno a cui ormai ruota l’attività.
 
Il vicepresidente della commissione, Claudio Marignani, Forza Italia, ha chiesto un approfondimento sul “contenzioso”, cioè sulle pratiche che non vedono realizzati i progetti finanziati. In virtù di ciò è stato definito l’invio di una relazione aggiuntiva. Marignani ha inoltre approfondito l’aspetto dei controlli, ai quali corrisponde “un’erogazione per prestazioni professionali esterne talmente esigua da far ritenere opportuno un chiarimento sulla tipologia dei controlli effettuati”. Infine Marignani ha invitato la commissione a svolgere una “attenta riflessione” sui bandi europei e sulla semplificazione delle procedure, evidenziando che, “spesso tali bandi, in particolare quelli destinati ai giovani, non raggiungono l’obiettivo prefissato”.
 
Nella medesima riunione la commissione Agricoltura ha espresso parere positivo sul regolamento di attuazione della legge regionale a sostegno dell’attività vivaistica e per la qualificazione del verde urbano. Da quanto emerso, la commissione si impegnerà a recuperare gli elementi previsti della legge sul vivaismo all’interno della nuova legge sul governo del territorio quando l’attuale sarà rivisitata e modificata. Su proposta del consigliere Pierpaolo Tognocchi, Pd, il regolamento di attuazione arriverà in Aula consiliare accompagnato da un ordine del giorno con cui il Consiglio chiederà alla Giunta delle specifiche informative in materia.