Economia e Imprese - 13/01/2009 08:11

Crisi stabilimento Pirelli di Figline Valdarno

La risposta dell’assessore al Lavoro Gianfranco Simoncini all’interrogazione dei consiglieri di Alleanza Nazionale Marco Cellai e Angela Notaro

Firenze – “Gli accordi già presi sugli investimenti da fare saranno mantenuti e la cassa integrazione avviata alla fine del 2008 è una posizione delegata alla contingenza e non dovuta a strategie altre”.
Così l’assessore regionale al Lavoro Gianfranco Simoncini ha risposto all’interrogazione dei consiglieri di Alleanza Nazionale Marco Cellai e Angela Notaro.
Interrogazione che chiedeva quali “iniziative, provvedimenti e interventi urgenti si siano intrapresi o si intendano prendere, per salvaguardare il livello occupazionale e reddituale dei dipendenti della Pirelli di Figline Valdarno (Fi)”.
Secondo quanto riferito dall’assessore, gli incontri avuti hanno confermato che la “centralità dello stabilimento di Figline non è in discussione”. “Abbiamo chiesto specifiche garanzie in questo senso” ha detto Simoncini, “così come sul fronte della produzione”.
Soddisfazione è stata espressa dalla consigliera Angela Notaro che pure ha evidenziato come “occorra mantenere alta l’attenzione”. “A tutt’oggi – ha detto – mi pare che le questioni vengano vissute alla giornata, senza un quadro di più ampio respiro. Esempio evidente è il problema del calo di produzione”.