fondofranca.gif
Cultura, Istruzione e Ricerca, Varie - 07/12/2012 16:41

Premio Franca Pieroni Bortolotti: Lastri, patrimonio culturale per il paese

Giornata all’insegna della questione femminile, con la premiazione delle vincitrici della XVIII edizione e il seminario su “Storia e violenza di genere”

Firenze – “Con il Premio Franca Pieroni Bortolotti riprendiamo un percorso che si era interrotto dal 2009 a Firenze e oggi recuperato dal Consiglio regionale con la Società italiana delle storiche – ha esordito Daniela Lastri, consigliera dell’Ufficio di presidenza dell’Assemblea toscana – Ed è particolarmente significativo che il Consiglio regionale, all’interno della Festa della Toscana 2012 ‘una Storia, tante diversità’, abbia riattivato questo riconoscimento che negli anni ha messo radici profonde nel territorio regionale e nazionale”.
 
 
Il Premio, unico nel suo genere in Italia, intitolato a Franca Pieroni Bortolotti – studiosa fiorentina che per prima in Italia ha posto al centro della sua riflessione la questione femminile – venne istituito, nel 1990, dal Comune di Firenze, in collaborazione con la Società Italiana delle Storiche, associazione che raccoglie gran parte delle studiose italiane interessate ai temi della ricerca sulla storia delle donne. “Con questo premio si è voluto valorizzare l’impegno di giovani ricercatrici, studiose della storia di genere, che con la loro attività ci aiutano a conoscere e ad approfondire il ruolo delle donne attraverso le epoche – ha sottolineato Lastri - dall’antichità all’età contemporanea, nei tanti contesti sociali e storici, ripercorrendo alcune delle principali condizioni e rappresentazioni della vita femminile, nella loro dimensione storica”.
 
 
“La prima edizione del Premio è del 1991, da allora ad oggi sono state premiate ben 43 persone, di cui 42 vincitrici, 1 vincitore e 4 segnalazioni – ha concluso la consigliera - le opere sono tutte raccolte nel “Fondo Franca Pieroni Bortolotti”, che ha sede presso la Biblioteca delle Oblate, e che attualmente è composto da 729 volumi, davvero un grande patrimonio culturale per il nostro paese”.
 
 
Quest’anno, per la XVIII edizione, come ha spiegato Isabelle Chabot, presidente della Società italiana delle Storiche, le vincitrici sono tre: Ilenia Carrone (primo premio), Silvia Chiletti e Yacine Mancastroppa Niang (secondo premio ex-aequo). Il premio ha inoltre individuato un’opera, quella di Anna Badino, che ha ricevuto una menzione d’onore e tre lavori – di Chiara Pavone, Natalina Lodato e Marta Seravalli - che saranno pubblicati on-line in formato ebook.
 
 
Alla premiazione, in Sala delle Feste di Palazzo Bastogi (via Cavour, 18 - Firenze), è seguito il seminario su “Storia e violenza di genere”, con la relazione di Daniela Lombardo, della Società delle Storiche, e gli interventi affidati a Patrizia Guarnieri, dell’Università degli studi di Firenze e a Michela Ponzani, dell’Istituto storico germanico di Roma.
 
 
Una giornata intensa per sviluppare la cultura e la politica di genere, all’insegna della ricerca storica.